Menu principale



Preview Foto



Articoli inseriti



Login utente

Utente
Password
Ricordami

Non hai ancora un profilo? Puoi crearne uno cliccando qui.



Lista utenti


riservato ad utenti registrati


Cerca



On-line

Abbiamo
9 ospiti e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti cliccando qui.



 




 Escursione alla Grotta del Diavolo o Grotta di Mezzogiorno del 13 marzo 2011 ::
 
  Sabato, 02 Aprile 2011 - 17:32 :: 23486 Letture

Il resoconto della escursione compiuta il 13 marzo u.s.  (continua)

E’ una nuvolosa giornata invernale, la pioggia incombe, cerchiamo di contattare uno del gruppo; manca, lo ritroveremo più avanti*. La collina è sempre verdeggiante, come le montagne circostanti e degrada verso una ampia pianura ricca di corsi d’acqua. Siamo in appennino centro meridionale, in lontananza si  scorgono delle chiazze bianche, stavolta di neve, non è strano. Gli inverni sono da noi piuttosto rigidi e non è difficile trovare sulla parte alta dei rilievi chiazze di neve sino a tarda primavera.

E’ il 13 marzo 2011 ed iniziamo a ripercorrere a ritroso nel tempo la nostra storia. Novelli Benjamin Button, ci inerpichiamo per la moderna S.P.331 in direzione Castello del Matese, attraversando in un colpo solo duemilacinquecento anni di storia. La moderna cittadina di Piedimonte Matese è sotto di noi, sulla parte alta il borgo medioevale. Sul Cila i poligonali dei Pentri rievocano il ricordo della Allifae sannitica. Attraversiamo l’abitato di Castello del Matese ed anche qui ai piedi della torre risalta la stratificazione sannitica (del basamento), medievale (della parte superiore e delle torri), indi gli abitati della nostra contemporaneità (articolo intero)

Share |

 
 

Commenti
N° 1734 - giuseppe ha scritto::
Feb-’18
07

SPAZIO, SPACEX PARTITO CON SUCCESSO Il Falcon Heavy di Space X, il più po- tente razzo al mondo, è partito da Cape Canaveral in Florida. Il decollo è avvenuto con successo, do- po un prolungato rinvio per condizioni meteorologiche avverse. Il fondatore e Ceo di SpaceX, il milionario Elon Musk, ha voluto piazzare a bordo del Falcon la sua Tesla Roadster rosso fiammante. In migliaia al Kennedy Space Center hanno festeggiato lo storico decollo che potrebbe aprire la strada ai viaggi verso Marte. Fonte Televideo RAI
N° 1735 - giuseppe ha scritto::
Feb-’18
09

PELLE SCURA ED OCCHI BLU: l'uomo inglese di 10mila anni fa „ Occhi azzurri e pelle scura: è questo l'aspetto che aveva il primo abitante moderno delle isole che oggi chiamiamo Gran Bretagna. Lo hanno rivelato gli scienziati britannici che hanno compiuto per la prima volta un’analisi completa del Dna di un uomo vissuto 10mila anni, l'”uomo di Cheddar”, dall’area nel Sudovest dell’Inghilterra dove nel 1903 fu scoperto in una grotta il suo scheletro. Come riportato dal Guardian, in un progetto congiunto del museo di Storia naturale britannico e dell’University College London, i ricercatori hanno scavato un buco di due millimetri nel cranio ed estratto polvere di osso per analizzarla. I risultati dell’esame hanno ribaltato l’immagine dell’uomo di Cheddar che era stata pubblicizzata fino a oggi, con pelle chiara e occhi scuri. “E’ molto sorprendente che un inglese di 10mila anni fa avesse una combinazione di occhi molto azzurri e pelle molto scura” ha detto Chris Stringer, scienziato del museo che per dieci anni ha analizzato i resti delle persone trovate nella caverna. I risultati dell’analisi indicano che la pelle chiara diffusa tra gli abitanti del Nord Europa è un carattere molto più recente di quanto si pensasse. La tribù dell’uomo di Cheddar migrò nelle isole britanniche alla fine dell’ultima glaciazione e il suo Dna è legato a quello di individui scoperti in Spagna, Ungheria e Lussemburgo. Selina Brace, ricercatrice per il Dna antico al museo, ha detto che il clima della caverna in cui l’uomo di Cheddar è stato trovato ha consentito di preservarne il Dna. “Nella caverna c’è un clima davvero buono, fresco, asciutto e costante e questo impedisce al Dna di deteriorarsi”. Grazie a una stampante 3D è stato allestito un busto dell’uomo di Cheddar, completo di capelli scuri e barba corta. Alfons Kennis, che ha costruito il busto con il fratello Adrie, ha detto che le ultime scoperte sono “rivoluzionarie”. “E’ una vicenda che riguarda tutte le migrazioni attraverso la storia” ha detto a Channel 4 in un documentario che andrà in onda il 18 febbraio. “Forse ci libera dall’idea che devi avere un certo aspetto se provieni da un certo posto. Siamo tutti migranti” ha aggiunto. “ Fonte : TODAY Potrebbe interessarti: http://www.today.it/rassegna/uomo-cheddar-immagine.html Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Todayit/335145169857930
Stampa tutti i commenti
Pagina precedente Prossima pagina
Spiacenti, ma solo gli utenti registrati possono pubblicare dei commenti
Non sei ancora registrato?
La registrazione è gratuita e necessita solo di qualche minuto.
Per altre informazioni cliccate qui -Password dimenticata? cliccate qui.





Sito ufficiale. Tutti i diritti sono riservati. Tutto il materiale puo essere utilizzato specificandone la fonte di prevenienza.

Per contatti : info@cuoresannita.it