Menu principale



Preview Foto



Articoli inseriti



Login utente

Utente
Password
Ricordami

Non hai ancora un profilo? Puoi crearne uno cliccando qui.



Lista utenti


riservato ad utenti registrati


Cerca



On-line

Abbiamo
8 ospiti e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti cliccando qui.



 




 Escursione alla Grotta del Diavolo o Grotta di Mezzogiorno del 13 marzo 2011 ::
 
  Sabato, 02 Aprile 2011 - 17:32 :: 60312 Letture

Il resoconto della escursione compiuta il 13 marzo u.s.  (continua)

E’ una nuvolosa giornata invernale, la pioggia incombe, cerchiamo di contattare uno del gruppo; manca, lo ritroveremo più avanti*. La collina è sempre verdeggiante, come le montagne circostanti e degrada verso una ampia pianura ricca di corsi d’acqua. Siamo in appennino centro meridionale, in lontananza si  scorgono delle chiazze bianche, stavolta di neve, non è strano. Gli inverni sono da noi piuttosto rigidi e non è difficile trovare sulla parte alta dei rilievi chiazze di neve sino a tarda primavera.

E’ il 13 marzo 2011 ed iniziamo a ripercorrere a ritroso nel tempo la nostra storia. Novelli Benjamin Button, ci inerpichiamo per la moderna S.P.331 in direzione Castello del Matese, attraversando in un colpo solo duemilacinquecento anni di storia. La moderna cittadina di Piedimonte Matese è sotto di noi, sulla parte alta il borgo medioevale. Sul Cila i poligonali dei Pentri rievocano il ricordo della Allifae sannitica. Attraversiamo l’abitato di Castello del Matese ed anche qui ai piedi della torre risalta la stratificazione sannitica (del basamento), medievale (della parte superiore e delle torri), indi gli abitati della nostra contemporaneità (articolo intero)

Share |

 
 

Commenti
N° 3494 - giuseppe ha scritto::
Set-’21
13

LE DONNE DEL NEOLITICO SI SPOSTAVANO Le donne erano la chiave di diffusione della conoscenza nel neolitico.Ed infatti, secondo uno studio ormai risalente ad un quinquennio addietro, ma sempre utilissimo per la nostra conoscenza, alla fine dell'Età della pietra erano le femmine a spostarsi diffondendo saperi e tecnologie Lo stereotipo del passato che inquadra la donna sempre a casa con i bambini è superato: nel Neolitico, al contrario di quanto si potesse pensare, erano loro le vere viaggiatrici. Abbandonavano la propria abitazione e si spostavano per centinaia di chilometri diffondendo cultura e conoscenza. Un'analisi dei resti di persone vissute alla fine dell'Età della pietra nella zona di Lecthal (Germania) e sepolte tra il 2500 e il 1650 a.C. ci fornisce infatti una nuova chiave sul ruolo delle nostre antenate. Le donne si spostavano più dei maschi ed erano portatrici di cultura e furono fondamentali per lo scambio di informazioni tecnologiche e saperi. Secondo uno studio del Max Planck Institute di Jena e dell'Istituto di Preistoria e Archeologia di Monaco pubblicato su Pnas, all'alba dell'età del bronzo la maggior parte degli uomini tendeva infatti a continuare a vivere nel paese dove era nato mentre parte delle donne veniva da altre zone, fatto che ne sottolinea la costante mobilità. Per affermare ciò gli archeologi hanno analizzato i resti di 84 individui sepolti in fosse nella valle di Lech. Solitamente i siti di sepoltura ospitavano un'unica famiglia: questo poteva significare anche generazioni differenti sepolte nello stesso luogo. Dalle analisi del Dna e quelle degli isotopi dello stronzio nei denti i ricercatori hanno notato una diversità genetica nella linea ereditaria femminile, fatto che indica come molte donne migrarono da altre aree, ad esempio dalla Boemia, verso la valle di Lech, magari in cerca di un marito. Anche se "migranti" e provenienti da altre realtà, le donne furono però integrate nelle nuove famiglie e sepolte con i componenti della popolazione nativa. In questa società di tipo patrilocale, dove le famiglie si stabilivano nelle zone di residenza dell'uomo, per gli studiosi la mobilità femminile durò per almeno 800 anni. Le donne contribuirono così a trasmettere conoscenze, come ad esempio quelle sulla lavorazione dei metalli, scambiare informazioni su utensili, tecnologia, usi e costumi. "Tutti noi conosciamo storie di uomini guerrieri e cacciatori che combattono e tornano con il cibo mentre le donne e i bambini restano a casa, ma sembra che le cose fossero decisamente diverse" ha spiegato l'archeologo Philipp Stockhammer che ha guidato il team di ricerca. "Il nostro studio suggerisce invece che quasi nessuno degli uomini aveva viaggiato, mentre due terzi delle donne lo facevano". A Repubblica spiega: "Da quel che abbiamo dedotto lo scopo della mobilità femminile era la ricerca di un marito. Non ci sono prove di 'forzature' da parte delle loro famiglie di origine: le donne straniere non mostrano differenza nelle loro sepolture rispetto a quelle locali. Sembrano avere lo stesso status". Era un modo di spostarsi "individuale", dato che "quella che si riteneva essere stata una migrazione di gruppo era in realtà basata su una forma istituzionalizzata di migrazione individuale" continua Stockhammer indicando che "fu una caratteristica importante delle vite degli abitanti dell'Europa centrale anche nel terzo e all'inizio del secondo millennio a.C." Le donne potevano spostarsi anche 500 chilometri lontano dai loro villaggi di origine secondo le informazioni raccolte attraverso le analisi dei molari e dei minerali. "E' sulla base dell'analisi degli isotopi dello stronzio nei molari, che ci permettono di trarre conclusioni sull'origine delle persone, che siamo riusciti a capire che la maggioranza delle donne non proveniva da quella regione - chiosa Alissa Mittnik dell'Istituto Max Planck -. Venivano da lontano e portavano idee".
N° 3499 - giuseppe ha scritto::
Set-’21
16

SPAZIO, PARTITO SPACEX, PRIMO VOLO CIVILE E' in orbita dalla notte scorsa il pri- mo volo spaziale con soli civili. E' il razzo Spacex Falcon 9, di Elon Musk con a bordo,per la prima volta, un equipag- gio di soli 4 civili senza alcun astro- nauta professionista, che rappresenta, al momento, il più ambizioso volo mai fatto nel turismo spaziale. Spacex sarà tre giorni in orbita intor- no alla Terra, a un'altezza di 575 Km, ben oltre la stazione spaziale interna- zionale. Fonte RAI
Stampa tutti i commenti
Pagina precedente Prossima pagina
Spiacenti, ma solo gli utenti registrati possono pubblicare dei commenti
Non sei ancora registrato?
La registrazione è gratuita e necessita solo di qualche minuto.
Per altre informazioni cliccate qui -Password dimenticata? cliccate qui.





Sito ufficiale. Tutti i diritti sono riservati. Tutto il materiale puo essere utilizzato specificandone la fonte di prevenienza.

Per contatti : info@cuoresannita.it