Menu principale



Preview Foto



Articoli inseriti



Login utente

Utente
Password
Ricordami

Non hai ancora un profilo? Puoi crearne uno cliccando qui.



Lista utenti


riservato ad utenti registrati


Cerca



On-line

Abbiamo
118 ospiti e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti cliccando qui.



 




 Miti dei Popoli Italici ... ::
 
  Domenica, 17 Febbraio 2013 - 01:10 :: 158755 Letture

MITI DEI POPOLI ITALICI: VIAGGIO TRA RIETI, CITTADUCALE ED AMITERNUM. I LUOGHI DELLE ORIGINI SABINE E DI SAN VITTORINO.
 
Clicca qui





Share |

 
 

Commenti
N° 4483 - giuseppe ha scritto::
Nov-’23
18

APOLLO MARMOREO DI DUE METRI RITROVATO A SAN CASCIANO DEI BAGNI Dalle acque di San Casciano dei Bagni (Siena) riaffiora un Apollo in marmo di due metri, una vera e propria statua monumentale restituita dai fanghi nel sito ove sono state recuperate già altre meraviglie in bronzo Un Apollo giovinetto, elegante e bellissimo, impegnato a cacciare una lucertola. Dopo la meraviglia dei bronzi, è una statua monumentale, alta quasi due metri, copia in marmo di un originale in bronzo del greco Prassitele, l'ultimo tesoro restituito dal fango e dall'acqua ribollente degli scavi di San Casciano dei Bagni (Siena). Un ritrovamento straordinario: "San Casciano non smette di stupire", commenta dal ministero della Cultura (Mic) il direttore generale archeologia Luigi La Rocca. Con il monumentale Apollo in marmo, recuperati anche un particolarissimo donario in pietra con un'iscrizione bilingue e a una miriade di piccoli oggetti in bronzo, terracotta e persino cristallo che aprono affascinanti squarci sulla quotidianità dell'antico santuario di San Casciano e sui rapporti del dio con la cura della salute, in particolare degli occhi. Lo straordinario ritrovamento è stato anticipato all'agenzia di stampa Ansa dal responsabile degli scavi Jacopo Tabolli dell'Università per Stranieri di Siena. "E non basta. Perché - spiega Tabolli - allargando il perimetro dello scavo, quello che in un primo tempo era apparso come un piccolo edificio sacro costruito intorno alla sorgente e alla sua vasca rituale, si è rivelato in questi ultimi mesi un vero e proprio tempio con il portico ornato da quattro colonne e la parte centrale con la grande vasca in parte coperta da un podio ornato da grandi statue, una delle quali era forse proprio quella del giovane Apollo". "Un gioiellino d'architettura monumentale e di ingegneria idraulica, insomma, costruito, in totale continuità di culto, sopra a un più antico sacello etrusco di cui in questi mesi sono stati portati allo scoperto le splendide mura. Anche se i romani, forse proprio per rendere il loro tempio più stabile, ne vollero aggiustare l'orientamento sul terreno, ruotandolo leggermente, dopo aver ingrandito e reso più sfarzosa la vasca destinata ad accogliere le offerte", aggiunge Tabolli.
Stampa tutti i commenti
Pagina precedente Prossima pagina
Spiacenti, ma solo gli utenti registrati possono pubblicare dei commenti
Non sei ancora registrato?
La registrazione è gratuita e necessita solo di qualche minuto.
Per altre informazioni cliccate qui -Password dimenticata? cliccate qui.





Sito ufficiale. Tutti i diritti sono riservati. Tutto il materiale puo essere utilizzato specificandone la fonte di prevenienza.

Per contatti : info@cuoresannita.it