Menu principale



Preview Foto



Articoli inseriti



Login utente

Utente
Password
Ricordami

Non hai ancora un profilo? Puoi crearne uno cliccando qui.



Lista utenti


riservato ad utenti registrati


Cerca



On-line

Abbiamo
2 ospiti e
1 utente online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti cliccando qui.



 




 Bibliografia ::
 
  Venerdì, 22 Febbraio 2013 - 20:56 :: 8873 Letture

 image

Bibliografia
 
  • VIAGGIO A RITROSO NEL TEMPO 

Popoli Italici – Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Piero e Alberto Angela: La Straordinaria storia dell’Uomo- Mondadori Ed.-; Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; Conoscere Italia, Campania Vol. I – I.Geog. De Agostini – Santo Tinè: I primi agricoltori – Sagep Ed.; I Cacciatori Paleolitici: Guido Rossi, Tiziano Mannoni, S. Tinè – Sagep Ed- ; Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. – G.Conta Haller: Ricerche su alcuni centri fortificati in opera poligonale in area campano-sannitica, Napoli, 1978; G. Guadagno: Sui centri fortificati preromani nell’alto casertano-Arch. Stor. Terra di lavoro-; D. Marrocco: Piedimonte Matese.

  • ALLIFAE 

 Popoli Italici – Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Piero e Alberto Angela: La Straordinaria storia dell’Uomo- Mondadori Ed.-; Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; Conoscere Italia, Campania Vol. I – I.Geog. De Agostini – Santo Tinè: I primi agricoltori – Sagep Ed.; I Cacciatori Paleolitici: Guido Rossi, Tiziano Mannoni, S. Tinè – Sagep Ed- ; R.Bianchi Bandinelli, A. Giuliano: Etruschi e itaici prima del dominio di Roma – Milano-;D. Marrocco: Piedimonte Matese.    

  • TREBULA

E.T. Salmon:Il Sannio e i Sanniti – Einaudi- ; Popoli Italici – Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; Conoscere Italia, Campania Vol. I – I.Geog. De Agostini – D.Caiazza:Archeologia e storia antica del mandamento di Pietramelara e del Montemmaggiore.

  • CALLIFAE

Popoli Italici – Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; Conoscere Italia, Campania Vol. I – I.Geog. De Agostini – Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. – G.Conta Haller: Ricerche su alcuni centri fortificati in opera poligonale in area campano-sannitica, Napoli, 1978; G. Guadagno: Sui centri fortificati preromani nell’alto casertano-Arch. Stor. Terra di lavoro-; D.Caiazza . 

  • CUMA

J.W. Goethe: Viaggio in Italia; R. Graves: I Miti Greci – Longanesi Ed.-; Gianpaolo Infusino: Storia, miti e leggende dei Campi Flegrei – Lito Rama Ed.-; R. Adinolfi: I Campi Flegrei nell’antichità – Az. Tur. Pozzuoli 1981; Amedeo Maiuri: Passeggiate Campane- U.Hoepli Ed.-;AA.VV.: I Campi Flegrei – Gaetano Macchiaioli-;

  • Popoli Italici 

Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Piero e Alberto Angela: La Straordinaria storia dell’Uomo- Mondadori Ed.-; Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; Conoscere Italia, Campania Vol. I – I.Geog. De Agostini – Santo Tinè: I primi agricoltori – Sagep Ed.; I Cacciatori Paleolitici: Guido Rossi, Tiziano Mannoni, S. Tinè – Sagep Ed- ;L. Cardini: Gli starti mesolitici delle Arene Candide – Riv. Sc. Preistoriche 1946-; Marino Corona: Le civiltà preistoriche in Italia – Libritalia Ed.-; George Livet, Rolande Mousnier:Storia d’Europa(dalla preistoria all’impero romano) -  

  • GROTTA

Popoli Italici – Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Piero e Alberto Angela: La Straordinaria storia dell’Uomo- Mondadori Ed.-; Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; Conoscere Italia, Campania Vol. I – I.Geog. De Agostini – Santo Tinè: I primi agricoltori – Sagep Ed.; I Cacciatori Paleolitici: Guido Rossi, Tiziano Mannoni, S. Tinè – Sagep Ed- ;

  • PIETRABBONDANTE

Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. – G.Conta Haller: Ricerche su alcuni centri fortificati in opera poligonale in area campano-sannitica, Napoli, 1978; G. Guadagno: Sui centri fortificati preromani nell’alto casertano-Arch. Stor. Terra di lavoro-; Popoli Italici – Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Tito Livio Storia di Roma – Mondadori Ed.-;. aaa

  • BOIANO

Flavio Russo:  Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; De Benedictis: Bojano – Strudi etruschi XLIX-;, E.T. Salmon:Il Sannio e i Sanniti – Einaudi- Tito Livio: Storia di Roma – Mondadori Ed.-; G.V. Ciarlanti: Memorie Historiche del Sannio – Isernia-; A. La Regina: Sannio Pentri e Frentani dal VI al I sec. a.C. - Roma-;

  • MITI DEI POPOLI ITALICI, VIAGGIO TRA RIETI, CITTADUCALE E AMITERNUM: I LUOGHI DI SAN VITTORINO.

Popoli Italici – Giunti Ed.-; Popoli Italici e Culture Regionali:M. Castoldi, C.Chiaromonte, R.De Marinis, A.De Santis – Guidotti Ed.-; Piero e Alberto Angela: La Straordinaria storia dell’Uomo- Mondadori Ed.-; Flavio Russo: Dai Sanniti all’esercito italiano –I.G.M. -; Conoscere Italia, Campania Vol. I – I.Geog. De Agostini – Santo Tinè: I primi agricoltori – Sagep Ed.; I Cacciatori Paleolitici: Guido Rossi, Tiziano Mannoni, S. Tinè – Sagep Ed- ;

Guida alle Civiltà sepolte d’Italia-L. Zeppegno, L. Vacchi-Arnoldo Mondadori Editore; Wikipedia; PopoliItalici-Giunti Editore;Samnites Gens Fortissima Italie- a cura di Domenico Caiazza (dal Premio Internazionale I Sanniti).







Share |

 
 

Commenti
N° 2717 - giuseppe ha scritto::
Gen-’20
01

DA POMPEI ALL'EGITTO: le scoperte archeologiche più importanti del 2019 Quello che sta per concludersi è stato un anno ricco di ritrovamenti inaspettati, che riconfermano come ci sia ancora moltissimo da fare quando si parla di antichità. Dagli affreschi di Narciso e dei Gladiatori a Pompei alle centinaia di mummie animali dell’Antico Egitto, passando per l’antica Roma e Paestum: ecco le scoperte archeologiche più importanti del 2019. Il 2019 è stato un anno importante soprattutto per l’archeologia. Guardando indietro, fin dai primi mesi dell’anno, sono stati tanti ed importanti gli annunci che hanno riguardato nuove scoperte, alcune delle quali davvero inaspettate: il Parco Archeologico di Pompei si riconferma di nuovo come uno dei siti più ricchi di storie da raccontare, insieme alle numerose necropoli egizie che stanno via via riemergendo nei dintorni del Cairo. Ma non solo: anche Roma sembra avere ancora molto da svelare, come ha dimostrato l’improvvisa scoperta nei dintorni di piazzale Ostiense, insieme a Paestum, un altro dei luoghi protagonisti di questo 2019 all'insegna dell’archeologia. Pompei: la Regio V e le nuove scoperte del 2019 Pompei è senza dubbio la realtà che, ancora oggi a distanza di secoli dalla sua scoperta, non smette di stupire restituendo tesori inestimabili. Soprattutto grazie al Grande Progetto Pompei, che ha dato il via alle importanti campagne di riapertura di siti abbandonati, riqualificazione e scavo nella Regio V, ha contribuito in modo importante a collezionare, solo nel 2019, alcuni ritrovamenti importantissimi. L’ultimo, in ordine di tempo, quello riguardante il bellissimo affresco dei Gladiatori in lotta emerso nei pressi del vicolo delle Nozze d’Argento. Ma quello del Mirmillone e del Trace non è l’unico importante passo in avanti che gli archeologi hanno compiuto nella scoperta di nuovi particolari della vita dell’antica Pompei: lo scorso agosto è stato annunciato il ritrovamento di una vasta collezione di monili e gioielli subito ribattezzata “Tesoro della Fattucchiera”, mentre il suggestivo affresco di Leda e il Cigno emerso nel 2018 si è rivelato essere il preludio una più ampia scoperta che ha riguardato un’altra domus della Regio V: un dipinto raffigurante Narciso, raffinato testimone di ciò che probabilmente avveniva in quella che doveva essere un’alcova. Come ha chiarito anche il direttore Massimo Osanna nel suo volume “Pompei. Il tempo ritrovato”, anche a distanza di secoli l’archeologia non smette di emozionare. Roma, nel 2019 il mistero dello scheletro di Piramide Lo scorso settembre la città di Roma è stata interessata da un’importante quanto inusuale ritrovamento improvviso: durante gli scavi della metropolitana, a piazzale Ostiense, è infatti riemerso uno scheletro umano perfettamente conservato. Lo “scheletro di Piramide”, è stato subito ribattezzato: si tratta di un uomo, probabilmente risalente ad un’epoca molto antica ma comunque fuori luogo in un’area che, almeno stando alle conoscenze degli archeologi, non era adibita a necropoli o riservata alle sepolture. Il 2019 di Paestum: dalle ceramiche alle sculture arcaiche Un’estate importante anche quella del Parco Archeologico di Paestum: nell'antichissimo sito romano in provincia di Salerno, infatti, i mesi più caldi dell’anno hanno portato anche nuove scoperte, come i resti di un tempio del V secolo e i frammenti di una scultura del VI secolo nel santuario di Atena. Ma, fra gli annunci più importanti, spiccano sicuramente quelli del ritrovamento di un intero laboratorio di ceramica situato in una domus: una conferma importante, dato il ruolo di rilievo dell’antica Paestum nella produzione e nel commercio di manufatti. Insieme a questi annunci, nel settembre 2019 il direttore Gabriel Zuchtriegel ha reso pubblica anche la scoperta, effettuata dagli archeologi tedeschi di Bochum, di una testa in travertino risalente al VI secolo avanti Cristo. Antico Egitto, i ritrovamenti più importanti del 2019 L’Antico Egitto è ovviamente uno di quei mondi talmente ricchi di storia, che non smette mai di regalare nuove sorprese. Solo nell'anno che sta per concludersi sono state centinaia le campagne di scavo portate avanti in diverse zone del Paese e che hanno rivelato ulteriori importanti dettagli su questa affascinante civiltà: nella prima parte dell’anno sono state più di cinquecento le mummie rinvenute nella zona fra Sohag, Minya e Assuan. Di queste, gran parte sono mummie di animali, ma non mancano anche i resti di 12 bambini rinvenuti a 250 chilometri dal Cairo. L’ultima notizia sull'Antico Egitto arriva però da Torino: le mummie “stanno bene”, godono di ottima salute. È quanto ha fatto sapere nei giorni scorsi l'Eurac Research di Bolzano, che ha effettuato rilevamenti e studi su campioni dei 116 esemplari conservati nel Museo Egizio. Fonte: https://www.fanpage.it/cultura/da-pompei-allantico-egitto-le-scoperte-archeologiche-piu-importanti-del-2019/ http://www.fanpage.it/
Stampa tutti i commenti
Spiacenti, ma solo gli utenti registrati possono pubblicare dei commenti
Non sei ancora registrato?
La registrazione è gratuita e necessita solo di qualche minuto.
Per altre informazioni cliccate qui -Password dimenticata? cliccate qui.





Sito ufficiale. Tutti i diritti sono riservati. Tutto il materiale puo essere utilizzato specificandone la fonte di prevenienza.

Per contatti : info@cuoresannita.it