Menu principale



Preview Foto



Articoli inseriti



Login utente

Utente
Password
Ricordami

Non hai ancora un profilo? Puoi crearne uno cliccando qui.



Lista utenti


riservato ad utenti registrati


Cerca



On-line

Abbiamo
20 ospiti e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti cliccando qui.



 




 PROSSIMO EVENTO. La pagina presenta l'evento più prossimo cui parteciperà CUORE SANNITA ::
 
  Lunedì, 25 Novembre 2019 - 16:58 :: 8973 Letture


DOMENICA 5 DICEMBRE 2021 DALLE ORE 09:00 ALLE 13:00

ALLIFAE (TREKKING URBANO) con C.A.I. Sez. Caserta

 

Programma Clicca qui

Per la partecipazione compilare il modulo COVID-19 allegato qui

L’evento è subordinato all’evolversi dell' emergenza Covid ed alle disposizioni relative. 

 

 

 

 







Share |

 
 

Commenti
N° 3427 - giuseppe ha scritto::
Ago-’21
03

TEATRI DI PIETRA CONTINUA IN AGOSTO A TEANUM SIDICINUM Venerdì 6 Agosto LA DANZA DI ZORBA Sabato 7 Agosto MITOLOGICO MORRICONE Delle 100 date in tutta Italia, ancora molti appuntamenti come TEANO, SUTRI, VOLTERRA e tanto altro. La Rete dei Teatri di Pietra, che da oltre vent’anni pone al centro la valorizzazione dei siti archeologici e monumentali attraverso lo spettacolo dal vivo, allieta anche quest’estate con compagnie di danza, musica e teatro attraverso la messa in scena di 26 spettacoli in 16 siti tra Lazio (Villa Ferrajoli ad Albano Laziale, Anfiteatro di Sutri), Toscana (Teatro romano di Volterra), Campania (Anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere, Teatro di Teanum Sidicinum). Spettacoli anche in Basilicata (Teatro romano di Grumentum, Incompiuta a Venosa, Area archeologica di Metaponto) e Sicilia (Teatro antico di Akrai, Chiostro di S. Maria del Gesù di Modica, Baglio Tumbarello al Parco archeologico di Lilibeo, Parco archeologico Palmintelli a Caltanissetta, Faro di Punta Spadillo a Pantelleria, Castello di Milazzo, Area archeologica di Eraclea Minoa, Parco archeologico di Kaucana a Santa Croce Camerina) per oltre 100 date, fino a settembre. Nel tempo la Rete, diretta dal maestro Aurelio Gatti, ha riportato l’arte del teatro in più di 35 siti italiani con la collaborazione di artisti come Elisabetta Pozzi, Dario Fo, Giorgio Albertazzi, Luis Bacalov, Uri Caine, insieme a diverse compagnie emergenti, sempre con l’idea che lo spettacolo dal vivo possa valorizzare questi luoghi, spesso sminuiti dalla mera classificazione di periferici e dare modo a chi partecipa, come spettatore e come artista, di fare una vera esperienza dei siti archeologici e non semplicemente di attraversarli. Oggi come vent’anni fa, Teatri di Pietra esprime una progettualità volta a ridare dignità allo spettacolo dal vivo e ai suoi lavoratori: la Rete ha riscoperto e legittimato luoghi di straordinaria bellezza e valore storico, la cui rilevanza era spesso stata tralasciata da amministrazioni, politica e operatori del turismo.Tutto è nato in provincia di Caserta nell’Anfiteatro Campano, da cui nacque la rivolta di Spartacus, sito a soli tre chilometri dalla Reggia eppure allora sconosciuto alla stessa cittadinanza. E poi a seguire siamo entrati a Teano, Calvi Risorta, Sessa Aurunca, fino ad arrivare alla Villa Imperiale di Pausilypon a Napoli; questi i primi siti furono aperti e inaugurati con una programmazione interamente dedicata ai temi del Mediterraneo e della cultura classica. Biglietti acquistabili su www.liveticket.it anche con 18app Prenotazione su wahtsapp – 3519072781 Info: www.teatridipietra.it
N° 3430 - giuseppe ha scritto::
Ago-’21
06

TEATRI DI PIETRA A TEANUM SIDICINUM STASERA Venerdì 6 Agosto con LA DANZA DI ZORBA e DOMANI Sabato 7 Agosto MITOLOGICO MORRICONE Delle 100 date in tutta Italia, ancora molti appuntamenti come TEANO, SUTRI, VOLTERRA e tanto altro. La Rete dei Teatri di Pietra, che da oltre vent’anni pone al centro la valorizzazione dei siti archeologici e monumentali attraverso lo spettacolo dal vivo, allieta anche quest’estate con compagnie di danza, musica e teatro attraverso la messa in scena di 26 spettacoli in 16 siti tra Lazio (Villa Ferrajoli ad Albano Laziale, Anfiteatro di Sutri), Toscana (Teatro romano di Volterra), Campania (Anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere, Teatro di Teanum Sidicinum). Spettacoli anche in Basilicata (Teatro romano di Grumentum, Incompiuta a Venosa, Area archeologica di Metaponto) e Sicilia (Teatro antico di Akrai, Chiostro di S. Maria del Gesù di Modica, Baglio Tumbarello al Parco archeologico di Lilibeo, Parco archeologico Palmintelli a Caltanissetta, Faro di Punta Spadillo a Pantelleria, Castello di Milazzo, Area archeologica di Eraclea Minoa, Parco archeologico di Kaucana a Santa Croce Camerina) per oltre 100 date, fino a settembre. Nel tempo la Rete, diretta dal maestro Aurelio Gatti, ha riportato l’arte del teatro in più di 35 siti italiani con la collaborazione di artisti come Elisabetta Pozzi, Dario Fo, Giorgio Albertazzi, Luis Bacalov, Uri Caine, insieme a diverse compagnie emergenti, sempre con l’idea che lo spettacolo dal vivo possa valorizzare questi luoghi, spesso sminuiti dalla mera classificazione di periferici e dare modo a chi partecipa, come spettatore e come artista, di fare una vera esperienza dei siti archeologici e non semplicemente di attraversarli. Oggi come vent’anni fa, Teatri di Pietra esprime una progettualità volta a ridare dignità allo spettacolo dal vivo e ai suoi lavoratori: la Rete ha riscoperto e legittimato luoghi di straordinaria bellezza e valore storico, la cui rilevanza era spesso stata tralasciata da amministrazioni, politica e operatori del turismo.Tutto è nato in provincia di Caserta nell’Anfiteatro Campano, da cui nacque la rivolta di Spartacus, sito a soli tre chilometri dalla Reggia eppure allora sconosciuto alla stessa cittadinanza. E poi a seguire siamo entrati a Teano, Calvi Risorta, Sessa Aurunca, fino ad arrivare alla Villa Imperiale di Pausilypon a Napoli; questi i primi siti furono aperti e inaugurati con una programmazione interamente dedicata ai temi del Mediterraneo e della cultura classica. Biglietti acquistabili su www.liveticket.it anche con 18app Prenotazione su wahtsapp – 3519072781 Info: www.teatridipietra.it
N° 3530 - giuseppe ha scritto::
Ott-’21
06

9/10 OTTOBRE 2021 PRATA SANNITA I SANNITI tra ALLIFAE e CALLIFAE con G.A.P.S. e le “Giornate di Archeologia Ritrovata Gli appuntamenti sono inseriti nelle “Giornate dell’Archeologia Ritrovata” e sono organizzati dal Gruppo Archeologico di Prata Sannita. L’intento è di percorrere, come in un viaggio nel tempo, la strada che unisce la Allifae preromana e romana al territorio della antica CALLIFAE, unendo in pochi chilometri, una storia ultra-millenaria che ha visto come protagonista l’uomo Neanderthal ed i Sanniti Pentri. SABATO 9, ore 17.30 Convegno “I SANNITI TRA ALLIFAE e CALLIFAE” con i contributi di A. Palmieri – “Le Fortificazioni del versante campano del Matese. Tutela e criticità” - e Giuseppe D’Abbraccio - “La religione dei Sanniti. Il corridore del Monte Cila, una nuova lettura iconografica” -. DOMENICA 10, ore 9.00 partenza da Largo Brecce: ai piedi dei megaliti del Monte Cila, ammirate le imponenti fortificazioni, ci incammineremo seguendo il tracciato che da Alife, percorrendo la Via Vecchia costeggerà Ailano (Teorie su Aebutiana) per sfiorare Callifae ed il Cavuto, ed infine arrivare nel territorio della attuale Prata Sannita. Saremo accolti dal gruppo locale Archeologico per una immersione nel periodo dei Neanderthal (l’uomo venuto dal freddo) in località Pantani – Fragneto, sede di un insediamento del paleolitico medio (70.000/35.000 anni fa) con tracce di materiale litico (testimonianza indiretta). Alle ore 10.00 partenza per il Muro delle Fate, struttura di epoca sannitica particolarmente interessante in località Cerasa, nei pressi di Masseria della Corte ai piedi di Roccavecchia (ove insistono le fortificazioni megalitiche, il teatro e le cisterne dell’antica Callifae) e lungo l’antica mulattiera che collega Pratella a Ciorlano. La struttura, posta a quota 330 metri, è costituita da un quadrato di circa 9 metri per lato ed un alzato che non supera il metro e 30 nel punto meglio conservato. Trattasi di un probabile tempio che presenta sul lato meridionale un muro lungo oltre 14 metri che poteva sostenere un pronao posto a circa un metro dal quadrato poligonale. Altri muri in pseudo poligonale sembrano ere l’area ma, l’assenza di materiale non permette, ad oggi, di confermare la funzione templare. Certamente non trattavasi di fortificazione. Il ritorno è previsto nel pomeriggio dopo visita al centro storico di Prata Sannita. La escursione avrà carattere turistico e quindi con difficoltà leggere. Si consigliano abbigliamento adatto e scarpe comode. Informazioni e prenotazioni: vedi sezione contatti del sito www.cuoresannita.it, cuore sannita facebook, Giuseppe 380/1874732 Evento soggetto alle disposizioni Covid 19 come da scheda di partecipazione. *Alcune visite (o l’ordine delle stesse e degli orari) potrebbero subire modifiche in relazione al numero dei partecipanti ed ai permessi accordati. La manifestazione prevede molte attività interessanti. Per il programma e/o maggiori dettagli sulla tre giorni delle Giornate di Archeologia Ritrovata vedi Gruppo Archeologico Prata Sannita Facebook
Stampa tutti i commenti
Pagina precedente Prossima pagina
Spiacenti, ma solo gli utenti registrati possono pubblicare dei commenti
Non sei ancora registrato?
La registrazione è gratuita e necessita solo di qualche minuto.
Per altre informazioni cliccate qui -Password dimenticata? cliccate qui.





Sito ufficiale. Tutti i diritti sono riservati. Tutto il materiale puo essere utilizzato specificandone la fonte di prevenienza.

Per contatti : info@cuoresannita.it